Created with flickr badge.

lunedì 23 febbraio 2015

Nardò - Molfetta 3-0

Reti: Palazzo 32′, 92′, Caporale 94′

NARDÒ: Caroppo, Starita, Mancarella, Anglani, Montrone, Vicedomini, Papi (82′ De Razza), Palazzo, Vicentin (80′ Fiorentino), Corvino, Montinaro, (75’Caporale).
A disp.: D’Agostino, De Giorgi, Antico, Mazzeo.
ALL. Ragno
L. MOLFETTA: Musacco, Muciaccia, Calefato, Dentamaro, De Ceglia, Amoruso, Grazioso (Barone), Vitale (Civita), Cantatore, Ingrosso (Lanave), Cesareo.
A disp.: Soares, Cadaleta, Giancaspro, De Gennaro. All. Lanza
Arbitro : Matteo Lillo di Brindisi Assistenti: Talucci e Tomasi di Taranto
Spettatori 1500 circa. Terreno allentato, giornata piovosa.
Ammoniti: Papi, Montrone, Corvino, Muciaccia, Calefato.

Nardò più forte di tutto. Pioggia, vento, fango e un coriaceo Molfetta non bastano a fermare le furie Granata. Una grande prestazione per intensità. tenuta atletica, equilibrio e giocate tecniche. Dallo scontro col Molfetta esce fuori un Nardò tonico e soprattutto immacolato da squalifiche che può andare a giocarsi a pieno diritto le proprie carte a Francavilla per la vittoria finale.

Sin dai primi minuti il Nardò ha schiacciato il Molfetta nella propria metà campo esercitando una pressione in tutte le zone del campo e soffocando sul nascere ogni velleità offensiva della squadra ospite.
Starita e Montinaro sulla destra si inseriscono con continuità. Sulla destra Palazzo in forma smagliante apre crepe nella difesa biancorossa. Vicedomini orchestra, con qualche imprecisione di troppo, mentre Corvino prova lo sfondamento verticale.

La prima occasione nitida per passare in vantaggio è per Vicentin che al 15′ non riesce ad inzuccare da pochi metri. Palla fuori di un paio di metri.
Il Toro insiste in attacco. Molfetta raccolto in difesa. I Granata collezionano corner ma Amoruso e De Ceglia riescono a contenere gli attacchi Granata.
Al 20′ il goal sembra cosa fatta. Palazzo apre sulla destra dove Montinaro in tuffo a colpo sicuro supera Musacco. Palla ormai destinata in fondo alla rete ma sulla linea un miracoloso recupero di Vitale salva i molfettesi.
Il Nardò non si scompone. Concede solo un calcio di punizione dalla tre quarti che permette a Cesareo di deviare l’unico pallone del primo tempo verso Caroppo. Il portere neretino para in presa alta senza problemi.
Al 32′ ennesima percussione giallo-granata. Vicedomini apre in acrobazia per Starita. Il cross dello scugnizzo sembra facile preda di Musacco che però non si fida della presa e respinge con i pugni. Piomba come un falco Palazzo che raccoglie al volo e gonfia la rete di prepotenza.
Nardò in vantaggio e risultato che non fa una piega.
I Granata non si adagiano e continuano a spingere. al 35′ Corvino costringe alla respinta in angolo Musacco.
al 37′ il Nardò va ancora in goal ma l’assistente vede un dubbio fuorigioco sulla deviazione sottoporta di Vicentin a correzione del tiro di Vicedomini.
Piove a dirotto, il terreno peggiora ma l’intensità di gioco del Nardò rimane costante. Si va negli spogliatoi con un vantaggio minimo. Troppo poco per uno straripante Nardò.

Nel secondo tempo non cambia l’inerzia del match. Nardò a menare le danze e Molfetta che vede raramente la tre quarti neretina.
I Granata spingono e vanno vicini al raddoppio. Al 15′ Corvino si invola verso la porta, potrebbe tirare di forza o alzare un pallonetto, invece cerca la giocata più difficile, l’aggiramento del portiere in corsa, col risultato di perdere il controllo del pallone.
Al 20′ è Vicentin a non riuscire a concludere sottoporta un invitante cross di Palazzo. L’argentino si incarta goffamente e tira fuori.
25′ ancora Corvino a provare dalla distanza. Palla fuori di poco.
Mezzora del secondo tempo. Il Nardò fisiologicamente rifiata. Il Molfetta prova a giocarsi le ce sue carte. Lanza manda in campo la seconda punta Lanave.
Il Nardò rincula e rischia. Un calcio d’angolo di Vitale semina il panico in area neretina. Dentamaro in mischia manca il bersaglio per pochi centimetri.
Il Nardò teme la beffa simil-Novoli. Ragno si cautela. Fuori Vicentin e Papi, dentro De Razza e Fiorentino.
Al 35′ Caroppo deve intervenire in deviazione alta per sventare una parabola velenosa su tiro di Civita. Finale in sofferenza ma il Toro ha ancora energie da spendere e nei minuti finali guadagna campo.
Al 92′ Palazzo con grande opportunismo, raccoglie la respinta della traversa su tiro di De Razza e fulmina ancora Musacco.
E’ il goal che scaccia le paure. Neanche il tempo di gioire che Caporale triplica spingendo in rete un cross di Corvino con la difesa molfettese ormai in disarmo.
Finisce 3-0. Nessun diffidato è stato ammonito. Probabile il recupero di Rana e Palmisano. Palazzo in grande forma.
Il Nardò c’è e lancia la sfida al Francavilla.
I Granata stanno arrivando. E ci credono.Alexx Capoti per Nardogranata.com

Nessun commento: