Created with flickr badge.

lunedì 17 ottobre 2016

Nardò - Nocerina 1-3

RETI: 1’pt Girardi (NO), 2’pt Fella (NO), 24’pt Kyeremateng (NA), 5’st Di Pietro (NO)

NARDÒ: D. Petrachi, De Pascalis, Morello, Diarra (10’st Corvino), Musca (34’st Palmisano), Camisa, Meleleo, Mbida, Kyeremateng, Carrozza, Versienti (10’st Gigante). A disp: B. Petrachi, Carrozzo, Rosato, Caporale, Alemanni, Cicerello. Allenatore: A. Foglia Manzillo.

NOCERINA: Amato, Papini, Santamaria, Cuomo (37’st Santeramo), Cacace, Coppola, Vitolo, Di Pietro, Girardi (29’st Nohman), Alvino (34’st Aracri), Fella. A disp: Sommariva, Pomante, Ramcheski, Barone, Faiello, Ciotti. Allenatore: E. Maiuri.

ARBITRO: Alessandro Maninetti (Lovere). Assistenti: Riccardo Pintaudi (Pesaro) e Fabio Donatelli (Taranto).

NOTE: Pomeriggio nuvoloso, temperatura intorno ai 21°, terreno di gioco in pessime condizioni. Spettatori: 2.200 circa di cui 200 circa di fede ospite. Ammoniti: Coppola, Di Pietro, Cuomo, Alvino, Fella (NO), Carrozza, Musca, De Pascalis (NA). Espulsi: Carrozza (NA) dopo il fischio finale per proteste. Recupero: 1’pt, 3’st.


KEY MOMENTS
1' - Di Pietro lancia Girardi, l'attaccante entra in area indisturbato e segna.
2' - Ampia apertura di Coppola per Alvino, il 10 punta De Pascalis e crossa. Fella insacca da due passi senza marcatura.
23' - Ripartenza veloce di Meleleo, dribbling controllo e palla in corridoio per Kyeremateng. Tiro preciso e radente e rete.
50' - Camisa distratto regala un corner. Petrachi esce a vuoto sul cross e Di Pietro insacca di testa.
65' - Reazione granata. Deviazione di testa di Keremateng, Amato devia, palla che incoccia la traversa. (A.C.)
UNA COLATA DI GELO su entusiasmi e desideri nascenti. L’avvio di gara più agghiacciante della storia calcistica neretina si rivela il nuovo, inatteso capitolo del campionato degli eccessi. Il sogno di un torneo da avanguardia si scioglie al calore delle violente e fulminee fiammate che inceneriscono una retroguardia di nuovo boccheggiante. Il lato destro della linea difensiva torna a riproporsi come drammatica emergenza. Non mancano, però, volontà e orgoglio. Un mese addietro sarebbe finita in mattanza, il Nardò di Foglia Manzillo invece si rialza, abbozza un tentativo di rimonta, poi stramazza nuovamente al tappeto, sopraffatto dall’ennesimo gol regalato all’avversario. Il rendimento a corrente alternata del portiere senior un altro spunto di riflessione per il tecnico neretino. Un duro stop, sia pure condizionato da una partenza sconvolgente, che rimette a nudo limiti occultabili con avversari di fascia più bassa come Agropoli, Picerno e Madre Pietra. Troppi svarioni difensivi, troppi errori gratuiti per sperare di poter reggere il confronto con le big del torneo. E domenica la trasferta in casa della pimpante matricola Rionero, per capire se questo Nardò possa almeno ambire ad una stagione da vivere senza eccessivi patemi di classifica.
Michele Climaco per Nardocalcio.com

Nessun commento: