Nardò - Gravina: un gelido 0-0



AC NARDO': Mirarco (62' Montagnolo); Natalucci, Trinchera, Stranieri, Colonna, Spagnolo; Danucci, Mengoli, Montaperto (85' Avantaggiato); Calemme (86' Trofo), Manfrellotti (76' Camara).
Bench: Pantano, Frisenda, Valzano, De Giorgi.
Coach: Antonio Foglia Manzillo

FBC GRAVINA: Vicino; Dentamaro, Silletti (30' D'Angelo), DiModugno, Alvarez, Romeo, Coulibaly, Mbida, Bozzi (80' Chiaradia), Ficara (75' Granado), Larosa (80' Ranieri).
Bench: Pizzi, Bottari, Greco, Correnti
Coach: Valeriano Loseto

Arbitro: Matteo Campagni di Firenze
Assistenti: Antonio Caputo di Benevento e Antonio Aletta di Avellino

Ammoniti: Calemme, Danucci, Stranieri (N) Romeo, Larosa, D'Angelo (G)
Spettatori 800 circa di cui 100 da Gravina.
Partita disturbata da forte vento gelido.

Michele Climaco - Il nuovo anno porta in dono un risultato dal punteggio inedito. La sfida tra Nardò e Gravina termina con un inusuale pareggio a reti inviolate, novità assoluta di stagione. Un pareggio dal sapore agrodolce, in una gara pesantemente condizionata da un impetuoso vento di tramontana. E’ un risultato che consente al Nardò di aggiornare il record stagionale di risultati utili, diventati ora sei, non invece di migliorare ulteriormente una  classifica sempre più magmatica,  in una domenica in cui non riesce a cogliere i tre punti nessuna delle squadre che precedono i granata.

Una traversa di Montaperto su punizione e un tiro di Mengoli di un soffio a lato i rimpianti più grossi di una partita rimasta sostanzialmente inespressa a causa delle proibitive condizioni atmosferiche. Con il vento a dare l’illusione di comandare il gioco prima all’una, poi all’altra squadra, entrambe però incapaci di accumulare meriti specifici per ottenere il bottino pieno. L’assoluta improduttività offensiva del Gravina nella seconda metà della ripresa, quella giocata dai murgiani prevalentemente nella metà campo neretina, lascia probabilmente più di un rammarico per l’esito finale di un match, che in condizioni normali sarebbe stato realisticamente alla portata dei granata. Un Nardò, alla resa dei conti, più sfortunato per aver dovuto giocare in un contesto atmosferico da tregenda, che colpevole di una prestazione caratterizzata da scarsa incisività e brillantezza in fase offensiva.

Due forfait imprevisti, uno per parte, negli schieramenti di partenza: il Nardò è costretto a rinunciare al suo leader difensivo Pantano, che si accomoda in panchina per onor di firma; nei gialloblù ospiti la febbre mette ko bomber Santoro, sostituito dall’ex Bozzi, con il conseguente dirottamento di Chiaradia in panchina per esigenze legate al pacchetto under. Foglia Manzillo e Loseto, comunque, non derogano dai collaudati moduli di riferimento (3-5-2) con Stranieri promosso a direttore d’orchestra difensivo e l’esordiente Colonna e Montaperto al posto degli squalificati Centonze e Cancelli. Il Nardò si prende subito l’iniziativa ma fatica a spezzare la ragnatela tattica avversaria, anche perché le violente raffiche di vento alterano le traiettorie del pallone. Natalucci (12’) prova allora l’incursione personale, supera un paio di avversari, ma Romeo (ammonito) lo ferma con le maniere forti all’altezza dei 18 metri; la conseguente punizione di Calemme si perde alta sul fondo.

Nello scarno elenco delle occasioni non colte dal Nardò c’è il lancio in profondità di Manfrellotti per Calemme, rivelatosi però troppo lungo, dopo un pallone rubato a Kulibaly sulla trequarti (17’). L’imprecisione nelle verticalizzazioni e le difficoltà nell’elaborare una manovra palla a terra rendono sterile la supremazia territoriale del Nardò. Per mettere in affanno la granitica retroguardia gravinese servirebbe una giocata personale. Natalucci si conferma in giornata di grazia e al 34’ prova a penetrare in area dal lato corto ma Larosa (ammonito) lo stende: Montaperto batte la punizione direttamente in porta, colpendo la parte alta della traversa. Il centrocampista siciliano ci riprova al 42’, ma Vicino non si fa sorprendere e blocca nonostante un intervento a vuoto di Di Modugno.

Ripresa con il Gravina a favore di vento, ma i murgiani prendono il sopravvento solo nei venti minuti finali, dopo uno scambio in avanti tra Manfrellotti e Calemme, che vede la provvidenziale chiusura di un difensore. Loseto cambia coppia d’attacco con gli ingressi di Granado e Ranieri e getta nella mischia anche Chiaradia, ma la pressione non porta alcun pericolo alla porta di Montagnolo, nel frattempo subentrato all’infortunato Mirarco (scontro in uscita con Bozzi). Granata sempre concentrati e vigili, praticamente perfetti in fase difensiva. I rilanci del portiere granata vengono però sospinti da un vento sempre più impetuoso in fallo laterale, all’altezza delle panchine, e il Nardò fatica a superare la metà campo. Nel finale sono però proprio i granata a sfiorare la segnatura: Mengoli raccoglie un rinvio corto della difesa ospite e dal limite scocca un destro che si perde di un metro a lato.

E’ l’ultima emozione di un match combattuto ma sostanzialmente noioso. Non si può brindare ad una nuova vittoria, ma c’è la soddisfazione per un risultato che è un segnale importante sulla via della continuità.              





Commenti

Powered by flickr embed.
86800300_1683191521822819_6357542593064075264_o

Il TORO 24 Ore

CalcioWebPuglia.it